Siamo un’agenzia creativa specializzata in Comunicazione digitale, Social Media Marketing, Sport Marketing, Medical Marketing, Web Developing e Copywriting.

We are a creative agency specialized in Digital Communication, Social Media Marketing, Sport Marketing, Medical Marketing, Web Developing and Copywriting.

Viale Italia, 14/F
25126 Brescia – ITALIA
Tel. (+39) 030 777 87 50
info@tofupeperoncino.it

Follow us

T&P Creative Digital Agency

Facebook e lo strano caso degli hashtag selvaggi

Fino a qualche tempo fa esclusivamente utilizzati su Twitter, possiamo definire gli hashtag come delle scatole con varie etichette: ogni “scatola” contiene articoli, immagini e video che trasmettono informazioni in merito ad un argomento. Perciò, quando andiamo a mettere questo simbolo # davanti a una parola chiave, cataloghiamo il nostro articolo in una “scatola” specifica.

E’ da qualche tempo ormai che le nostre bacheche di Facebook sono invase da post degli amanti del #chi #più #ne #ha #più #ne #hashtag. Da quando hanno fatto il loro ingresso trionfale anche in Facebook, si possono trovare alcuni post che ne contengono addirittura 20!

I due motivi principali dell’invasione degli # su Facebook sono:

– Non esiste il limite dei 140 caratteri e ci si fa prendere la mano!
– Si pensa che più hashtag inseriamo tanto più il nostro post avrà la possibilità di apparire nei risultati delle ricerche.

Non solo questa distesa di # è brutta da vedere (e soprattutto da leggere) ma secondo alcuni studi (ad esempio quello di EdgeRank Checker) è addirittura controproducente perchè affossano completamente un articolo, anche se ben scritto.

Qualche consiglio?

– Pochi ma buoni (come in ogni altro aspetto della vita!) massimo due per ogni post.
– Cercare degli hashtag che rappresentino l’argomento di cui volete parlare.
– Inserirli in fondo al post.

Gli hashtag possono avere un gran potere se utilizzati nella giusta maniera e possono essere un ottimo strumento di marketing, l’importante è che vengano utilizzati correttamente.